7.Ago | 2024

h 9:30 | 

  • Stazione dell'Arte
    Ulassai

Just walking

MICHELE LOSI / CAMPSIRAGO RESIDENZA

performance itinerante site specific / (Punto di incontro Stazione dell’Arte, Ulassai).

Da dove si comincia? I muscoli si tendono. Una gamba è il pilastro che sostiene il corpo eretto. Tra il cielo e la terra. L’altra è un pendolo che oscilla da dietro. Il tallone tocca la terra. Tutto il peso del corpo rolla in avanti sull’avampiede. L’alluce prende il largo, ed ecco, il peso del corpo in delicato equilibrio, si sposta di nuovo. Le gambe si danno il cambio. Si parte con un passo, poi un altro, e un altro ancora, sommandosi come lievi colpi sul tamburo, formano un ritmo: il ritmo del camminare.
Il tema della performance prodotta da Campsirago Residenza è il cammino: il cammino nell’evoluzione della storia dell’umanità e il cammino in relazione al tempo presente e alla società contemporanea. Lo studio è partito da una pratica ventennale e da un testo fondamentale: La storia del camminare di Rebecca Solnit, il principale tentativo di ricostruire in modo sistematico il ruolo del cammino nella civiltà e nella cultura occidentali.
Il grande antropologo Andrè Leroi-Gourhan sosteneva che l’uomo divenne uomo quando liberò mani e bocca dai vincoli dei quattro appoggi. Divenne in sostanza uomo da quando imparò a camminare, rendendo sostanziale la posizione eretta. Per Leroi-Gourhan più che animale razionale, più che bipede implume, l’uomo è l’essere camminante per eccellenza. “La storia dell’umanità inizia allora con i piedi […]. L’umanità è in cammino, da sei milioni di anni. Per molti aspetti siamo sapiens grazie alla capacità di spostamento sulle lunghe distanze che ci ha portato lontano, a esplorare di volta in volta i nostri limiti, ad attraversare e incorporare paesaggi per poi trasformarli, a ponderare le nostre capacità adattive in ambienti sempre nuovi, a plasmare un cervello che deve alla plasticità e alla flessibilità la sua unicità.”
Già Aristotele aveva definito il camminare ciò che definisce e contraddistingue l’umanità. L’essere bipedi non è una caratteristica accidentale, ma un elemento essenziale dell’uomo.
Nel corso dell’esperienza in cammino tratteremo il tema del vagabondare poetico, della strada come luogo della percezione del pericolo, la pratica dei pellegrinaggi, delle marce, delle manifestazioni, dei pride, per arrivare infine a un incontro con il mondo del meditativo e del riallineamento, nella riconnessione con il proprio IO corporeo e spirituale.

una performance di e con Michele Losi
elementi di scena e costumi Stefania Coretti
musiche Luca Maria Baldini e Nori Tanaka
coaching attorialeSebastiano Sicurezza
movimento Filippo Porro_Azioni Fuori Posto
testi diMichele Losi
con la collaborazione diSofia Bolognini
una produzioneCampsirago Residenza
con Omnicent Ukiha / D:DNA / Gli Scarti
distribuzione Alessandra Di Pilato
ufficio stampaGiulia Castelnovo
fotografie Alvise Crovato
videoLuana Giardino
produzione Valentina Brignoli
partecipantimax 40
durata90'

Potrebbe interessarti anche

Festival dei Tacchi

XXV Edizione