10.Ago | 2020

h 21:30 | 

  • Cantina Antichi Poderi
    Jerzu

Riva Luigi – Cagliari ai dì dello scudetto

Alessandro Lay - Cada die teatro

“Il gioco del football è un “sistema di segni”; è, cioè, una lingua, sia pure non verbale. La sintassi si esprime nella “partita”, che è un vero e proprio discorso drammatico. Ci può essere un calcio come linguaggio fondamentalmente prosastico e un calcio come linguaggio fondamentalmente poetico… Riva gioca un calcio in poesia.”  

Pierpaolo Pasolini

Nel 1970, quando il Cagliari divenne campione d’Italia, io avevo 8 anni.

Non ricordo molto dello ‘scudetto’, ma ricordo come era la città, come ci vestivamo, come ci appendevamo ai tram per non pagare, l’album della Panini e le partite ‘a figurine’ sui gradini della scuola elementare. Ricordo il medagliere, con i profili dei giocatori del Cagliari sulle monete di finto, fintissimo oro da collezionare.

E ricordo vagamente un ragazzo schivo, a volte sorridente, che guardava sempre da un’altra parte quando lo intervistavano. Un ragazzo che puntava i pugni in terra e si faceva tutto il campo correndo ogni volta che segnava un gol…

Alessandro Lay

di e conAlessandro Lay
luci suonoGiovanni Schirru
progetto sonoroMatteo Sanna
scene Mario Madeddu, Marilena Pittiu, Matteo Sanna, Giovanni Schirru
organizzazione Tatiana Floris
Grazie aMario Madeddu, Alessandro Mascia, Pierpaolo Piludu, Giovanni Schirru per i loro racconti e suggerimenti; un grazie particolare a Sandro Angioni e Sergio Albertini per i consigli preziosi

Festival dei Tacchi

XXV Edizione