Alessandra Faiella

Da ragazzina vedo Mistero Buffo di Dario Fo alla palazzina Liberty e rimango folgorata: il teatro sarà il mio mestiere. “Quel tipo” di teatro, con l’attore solo in scena, senza costumi e scenografie, che comunica solo col suo corpo e la sua comicità.

Dopo la scuola di Quellidigrock e del Teatro Officina, vengo presa con un provino proprio nella Compagnia Fo- Rame. Sono al settimo cielo.

Dopo questa esperienza che mi da una carica straordinaria incontro l’attore comico Giorgio Ganzerli, scriviamo due spettacoli di Cabaret e con lui parte una lunga gavetta in tutti i locali del Paese.
Poi per il nostro duo arriva la TV, prima con Frassica- Faletti poi con Zelig, Buldozer e infine e Gialappa’s.

A fine anni 90’ debutto anche come solista nei programmi di Serena Dandini. Ancora adesso mi riconoscono per Ambient!

Alessandra Faiella
Mentre continuo col teatro, ecco altra TV: Chiambretti, Bignardi e ancora Zelig e Colorado. Ma il teatro resta il grande amore: Stasera non escort, con le colleghe Rita Pelusio, Claudia Penoni e Margherita Antonelli conquista per tre stagioni i teatri italiani; nel 2013, scrivo La versione di Barbie per Mondadori, e porto tuttora in scena il monologo tratto dal libro, poi è la volta Nudi e crudi di Bennet con Max Pisu, Coppia aperta di Fo- Rame e infine Rosalyn il capolavoro noir di Edoardo Erba che mi vede recitare a fianco di Marina Massironi per la regia di Serena Sinigaglia. Attualmente Appunti G con Pelusio, Vasini e la giornalista Livia Grossi è in tournée nei teatri italiani. Nella mia biografia non è mancato il cinema, con i film dell’indimenticabile amico Max Croci e “Le voci sole” che mi vede coprotagonista con Giovanni Storti e il giovane Davide Calgaro. Il film ha vinto il Grand Jury Prize New Director competition 2022 al Festival di Seattle (USA) ed è stato selezionato al festival di Taormina (2022).

www.alessandrafaiella.com

  • 2014

Nessun evento in programma

Eventi in programma

No results found.

Eventi in archivio

7 Ago

7 Agosto 2014 ⋅ h 21:30

Stazione dell'Arte
Ulassai

Coppia aperta, quasi spalancata

ALESSANDRA FAIELLA / VALERIO BONGIORNO

Secoli di repressione e machismo non spariscono al primo colpo di tosse. Bisogna anche avere il coraggio di ammettere che quel tentativo di coppia aperta, di “corna democratiche”, non è riuscito e quasi sempre è naufragato nell’ipocrisia. “Bisogna dire che la coppia aperta ha i suoi svantaggi. Perché funzioni, deve essere aperta da una parte sola: quella del maschio! Perché se la coppia è aperta da tutte e due le parti ci sono le cor...

Festival dei Tacchi

XXV Edizione